Milano Korean Film Festival – un ponte creativo tra Italia e Corea del Sud

Il 23 Novembre al Cinema Anteo di Milano arriva il Milano Korean Film Festival 2019. Asian Studies Group ha collaborato al progetto in qualità di partner ufficiale e referente in Italia, assieme a Italcinema, Harmonie, Jeonju International Film Festival, Cortisonici International Short Film Festival. L’evento ha ottenuto il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano.

In occasione dell’evento verranno proiettati i film “The Journals of Musan” e “Height of the Wave” dell’acclamato regista, sceneggiatore e attore Park Jung-Bum, vincitore del Premio speciale della giuria alla 72ª edizione del Locarno Film Festival. A seguire, gli spettatori potranno assistere a un’interessantissima CineTalk tra Park Jung-Bum e il celebre critico cinematografico sudcoreano Lee Sang-Young, critico cinematografico e ideatore del Jeonju Film Festival, durante la quale si approfondirà l’argomento delle tendenze del cinema coreano contemporaneo.

The Journals of Musan

L’ormai pluripremiato regista Park Jung-Bum è diventato celebre nel 2010 con il lungometraggio “The Journals of Musan”, vincitore del VPRO Tiger Award e del Premio FIPRESCI all’International Film Festival di Rotterdam del 2011. Ciò lo ha portato a diventare uno dei più importanti registi della nuova generazione. A rendergli omaggio, si è scelto di proiettare in occasione del Milano Korean Film Festival proprio il film che lo ha reso famoso. In quest’opera, che lo vede in azione sia in veste di regista che di attore, la sua sensibile interpretazione di Jeon Seung-Chul, disertore nordcoreano che tenta invano di integrarsi e di costruirsi una nuova vita a Seoul, è impeccabile. Park Jung-Bum non illustra solo superficialmente la triste condizione dei disertori di guerra, ma scava a fondo e ne esamina le contraddizioni. Come commenta il critico Lee Sang-Yeong: “[i disertori nordcoreani] criticano il capitalismo, ma finiscono, al tempo stesso, per soccombere al potere del denaro”.

Il secondo film che verrà proiettato è invece “Height of Wave”. Con questo film, Park Jung-Bum ritrae una storia drammatica su come l’avidità dell’uomo, sempre in bilico tra l’analisi del proprio senso di colpa e la possibilità di redenzione, porti inevitabilmente al collasso. Sono gli istinti più bassi dell’uomo, che si tenta tanto affannosamente quanto inutilmente di nascondere, a essere i veri protagonisti delle opere dell’acclamato regista.

Height of the Wave

Il Milano Korean Film Festival vuole anche essere occasione per esaltare le qualità della nuova generazione di giovani registi cinematografici. Per tale motivo è stato creato il progetto Korea Comes to Milano inserito all’interno del progetto internazionale denominato Switch on Your Creativity, che vede la proiezione, durante il Milano Korean Film Festival, di una serie di cortometraggi di giovani registi coreani.

Asian Studies Group, tramite il progetto Switch on Your Creativity, da alcuni anni si prefigge l’obiettivo di esaltare e supportare la creatività giovanile. Infatti, durante la Milano Design Week 2019, giovani designer giapponesi hanno potuto esporre le proprie opere presso lo spazio SuperStudio di Milano così da creare un dialogo artistico con le opere di designer italiani esposte, l’anno prima, presso l’Istituto Italiano di Cultura in Osaka. Questo legame di condivisione artistica e culturale tra Asia ed Europa, che Asian Studies Group ha già contribuito a creare nel settore del design, ora è stato esteso anche al mondo del cinema, sia per promuovere la diffusione della cultura italiana in Asia e di quella coreana in Europa, sia per favorire una più stretta relazione culturale, fatta di suggestioni e suggerimenti reciproci, tra i due mondi.

Questo scambio costituirà la prima fase di un dialogo atto a costruire una nuova occasione di incontro in Korea nel 2020, durante l’ 11ª edizione dell’Italian Film & Art Festival di Seoul, al quale parteciperanno giovani promesse italiane nel settore della cinematografia.

Be Your Nine (BY9)

La giornata è stata creata anche per supportare i Be Your Nine (BY9): un’aspirante boyband coreana composta da nove ragazzi che, nonostante l’eliminazione da un talent nazionale, grazie al supporto di fan da tutto il mondo, lottano affinché il loro sogno si realizzi. Grazie ai fondi raccolti, non solo sono stati appesi più di 30 cartelloni pubblicitari nelle più importanti stazioni metropolitane della Corea del Sud, ma sono riusciti ad affiggerne uno anche a Times Square, New York.

Ku Jeongmo (Starship Ent.), Kim Minkyu (Jellyfish Ent.), Keum Donghyun (C9 Ent.), Song Yuvin (Music Works Ent.), Lee Sejin (iMe Korea Ent.), Lee Jinhyuk (TOP Media Ent.), Tony Yu (FNC Ent.), Ham Wonjin (Starship Ent.) and Hwang Yunseong (Woollim Ent.) sono gli attuali membri del gruppo, e il festival ha voluto supportarli dando loro la possibilità di emergere anche a livello internazionale.

Insomma, il Korean Film Festival è un evento da non perdere, sia per gli appassionati di cinema, che per gli amanti della cultura coreana in generale e del K-Pop. Il 23 novembre, dalle 14:30 alle 20:30 presso il cinema Anteo di Milano (piazza XXV aprile, 8 – ingresso libero), sarà una giornata dedicata interamente al cinema coreano indipendente.

Ingresso Gratuito fino a esaurimento posti. Per prenotarsi inviare un’email a info@asianstudiesgroup.net

Milano Korean Film Festival è organizzato da Italcinema. L’organizzazione dichiara la propria completa estraneità al Florence Korean Film Fest, evento con il quale non intercorre alcuna relazione.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...